NEMAPRESS EDIZIONI ALLA FIERA DEL LIBRO "INSIEME"

AL PARCO DELLA MUSICA, ROMA, GIARDINI PENSILI STAND n.120

Giorgio La Pira. In Toscana, in Sicilia, nel Mediterraneo
 di Corrado Monaca

Il libro raccoglie interventi a cura del professor Corrado Monaca per l'approfondimento del pensiero di Giorgio La Pira rispetto alla progettualità amministrativa e politica, ancora oggi attuabili.
Il volume si offre allo studio di una reale fattibilità mediterranea del modello amministrativo, portato a compimento da Giorgio La Pira quando fu sindaco di Firenze.
Corrado Monaca, professionista e operatore politico-culturale, è attivo anche a Pozzallo città che ha dato i natali al sindaco La Pira, recentemente riconosciuto beato dalla chiesa cattolica per il suo impegno per la pace e il benessere dei popoli.
Il libro è anche occasione per una carrellata dei numerosi interventi che il professor Corrado Monaca ha attuato nella regione Sicilia, sempre sotto l'insegnamento, allora utopistico, di Giorgio La Pira.
Il volume, arricchito da materiale fotografico e di rassegna stampa, vede anche interventi prestigiosi come quello della senatrice Marisa Moltisanti, del segretario generale dell'Eurispes Marco Ricceri quello del già sindaco di Firenze Mario Primicerio.
Il libro gode dell'introduzione dello storico Giovanni Criscione e della postfazione del sociologo Giovanni Restivo.
Il libro è pubblicato da Nemapress Edizioni, collana Saggi, ISBN 8876292462, € 25,00

I° Festival Letterario Deleddiano a Lollove (Nuoro) 26 e 27 Settembre

Nel 2020 si celebra un importante anniversario, i cento anni del romanzo di Grazia Deledda "La madre", pubblicato in volume da Treves di Milano nel 1920, dopo essere uscito a puntate un anno prima. Questo centenario ci ha offerto la fortunata occasione di far tornare a Lollove Grazia Deledda, i suoi personaggi, le sue atmosfere culturali. Lollove ospita il Festival letterario deleddiano alla sua prima edizione, come novità assoluta nel panorama regionale e nazionale, pur ricco di eventi e di celebrazioni sulla nostra Premio Nobel. La scrittrice nuorese ambienta la storia nel paese di Aar, uno strano toponimo dietro cui si cela il borgo di Lollove. Grazia Deledda ha usato spesso nascondere i luoghi dei suoi romanzi con nomi di fantasia, forse per non scontrarsi con la suscettibilità dei sardi o per accrescere il fascino del racconto. Ma nel caso de "La Madre" credo che il celare la vera Lollove sia dovuto all'intenzione di Grazia di non confinare in un luogo geograficamente definito, una vicenda che può veramente dirsi universale. Il vento che agita Aar è l'eros che agita il cuore del prete don Paulo come quello di tutti gli umani; la madre e l'amante Agnese, rappresentano plasticamente l'eterno dissidio tra il dovere e la passione, e poi c'è il sacro e il profano, la magia e il rito religioso e tanto altro ancora. Eppure Lollove vive in ogni parola del romanzo, ad iniziare dal nome stesso della protagonista, la madre, che si chiama Maria Maddalena come la santa cui è dedicata l'ex Chiesa parrocchiale. Con questa prima edizione del festival deleddiano, animata soprattutto da giovani lollovesi, nuoresi e sardi, Lollove rinasce grazie alla cultura. Se la terribile epidemia di vaiolo del 1860 ne provocò lo spopolamento, la pandemia del 2020, non ha impedito a Lollove di riprovare a condividere con i visitatori, la bellezza del proprio ambiente naturale ed umano. Il festival letterario deleddiano crescerà con gli anni, perché nasce a Lollove sotto gli auspici di un importante centenario, protetto dalla Luna dell'antico villaggio di Selene, con la "benedizione" di Maria Maddalena e soprattutto sotto lo sguardo vigile della nostra Grazia Deledda 

IL 3 AGOSTO, AL VIA LE LETTURE D'ESTATE A VILLA EDERA

IX Edizione

Si rinnova ad Alghero l'appuntamento estivo con le letture d'estate, la rassegna, curata dall'Associazione Salpare con la direzione artistica di Neria De Giovanni, in collaborazione con l'Associazione Orion.

Quest'anno la Rassegna è stata inserita nel programma ufficiale degli eventi estivi "Alghero, finalmente vacanza" organizzati dalla Fondazione Alghero con il Comune di Alghero, Assessorato alla cultura.

Si inizia lunedì 3 agosto con "Anninia volando, una nera favola sarda" di Massimiliano Fois accompagnato dalla chitarra di Quirico Solinas.

La partecipazione agli eventi è libera e gratuita, ma in ottemperanza alle disposizioni sanitarie in vigore i posti a sedere sono limitati.

Le prenotazioni si ricevono al al cell. 3203462657 o 3neria@gmail.com

Il nostro omaggio a Giuseppe Ungaretti nel 50° anniversario della sua scomparsa (1° giugno 1970)

Nemapress Edizioni pubblica una raccolta di saggi degli scrittori aderenti all'Associazione Internazionale dei Critici Letterari in ricordo del grande poeta.

Nel dettaglio un elenco degli autori che hanno contribuito alla nascita dell'opera:

Pierfranco Bruni, Taranto - Italia; Josefa Contijoch, Barcellona - Catalogna - Spagna; Stefan Damian, Cluj - Romania; Neria De Giovanni, Roma - Italia; Grazia Dormiente, Pozzallo - Italia; Manuel Ángel Morales Escudero, Ponferrada - Castiglia e Leon - Spagna; Rosa Elisa Giangoia, Genova - Italia; Arjan Kallço, Korça - Albania; Francisco Morales Lomas, Malaga - Andalusia - Spagna; Anna Manna, Roma - Italia; Antonio Maria Masia, Roma - Italia; Antonio Mendoza, Caracas - Venezuela; Valentina Piredda, Sardinia, Nuoro - Italia; Tudorel Radu, Piatra Neamt - România; Bruno Rombi, Genova - Italia; Carla Rugger, Padova - Italia; Anna Santoliquido, Bari - Italia; Andrè Ughetto, Marsiglia - Francia; Carlos Vitale, Buenos Aires - Argentina.

Leggete anche l'articolo completo e guardate il video per avere più informazioni

23 Aprile 2020: la Nemapress festeggia con i suoi autori la giornata mondiale del libro e del diritto d'autore

La Giornata mondiale del libro e del diritto d'autore nasce sotto l'egida dell'UNESCO nel 1996 per promuovere la lettura, la pubblicazione dei libri e la tutela del copyright.
Il 23 aprile è stato scelto perché è il giorno in cui sono morti nel 1616 tre scrittori considerati dei pilastri della cultura universale: Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Garcilaso de la Vega.

Ogni anno la Nemapress intensifica la propria azione di promozione e diffusione degli autori delle proprie collane con eventi pubblici.
Quest'anno abbiamo pensato di utilizzare le autostrade di internet e presentare i nostri libri direttamente con gli autori che ne parlano.

Hanno aderito : Pierfranco Bruni, vicepresidente del Sindacato Libero Scrittori Italiani che presenta il suo "L'alchimia della letteratura", Neria De Giovanni, presidente dell'Associazione Internazionale dei Critici Letterari, con "Grazia Deledda corrispondenze giovanili", Antonio Maria Masia e il suo libro di poesie in sardo con traduzione in italiano "Antiga limba"; Paola Ferrantelli con il secondo volume della collana "I pinzati" "Gustav Malher, Natale 1910"; Liliana Cantatore con "Tacer cantando - monologo a due voci tra Maria Callas e Pierpaolo Pasolini"; Antonella Pagano parla del suo "Cantò come Dea" il cui poemetto è tradotto in molte lingue tra cui l'esperanto; Marco Balbina illustra il suo romanzo "Nessuna come lei" ambientato in Sardegna; Massimiliano Fois parla del soggiorno di Antoine de Saint-Exupéry ad Alghero con "Pizzicaluna a l'Alguer"; Ilaria Drago presenta le motivazioni del suo testo "Migrazioni, Antigone non muore", della collana "Teatro", tradotto in spagnolo e in inglese; Rosa Elisa Giangoia ricorda un suo testo teatrale " Margaritae Animae Ascensio", dedicato alla Regina Margherita di Brabante morta a Genova durante l'epidemia di peste; Alessandra Derriu ci guida nel mondo della magia con "Maura l'indovina di Orotelli"; Anna Manna, già Premio Alghero Donna, ci invita alla lettura del suo libro di poesie "Ebbrezze d'amore, dolcezze e furori"; anche Marella Giovannelli Premio Alghero Donna, ci conduce tra le pagine del suo ultimo libro di poesia "Il mare segreto delle stelle" mentre Antonetta Carrabs ci fa conoscere i quattro libri pubblicati con la Nemapress: "Ribellioni", "Le poetesse mistiche", "La rivoluzione delle Sibille" e "Poeti fuori strada"; Iride Enza Funari ci parla delle coraggiose intellettuali nel libro "La rivoluzione delle Sibille".

I loro interventi sono pubbicati nella pagina video dei nostri autori

                                        

                                Bruno Rombi, il poeta dello Tsunami, ci ha lasciato

Bruno Rombi ci ha lasciato in coincidenza con Sa die de sa Sardigna, lui sardo doc di Calasetta trasferitosi molti anni orsono a Genova e da lì diventato intellettuale internazionale, ma sempre con la Sardegna nel cuore.

Come poeta è stato amico e compagno dei più importanti protagonisti della lirica mondiale, partecipando a festival europei e anche nel continente africano e nelle americhe.
La sua conoscenza delle lingue, francese, spagnolo, inglese, lo hanno contraddistinto anche come ottimo traduttore di poesia.

Sua è la traduzione per la Nemapress dii una delle più importanti raccolte poetiche di Pedro Shimose, uno dei massimi scrittori boliviani che, all'inizio degli anni Settanta   lasciò il suo paese a causa della dittatura e si trasferì a Madrid.

Sempre con la Nemapress ha pubblicato il poemetto dedicato a Costantino Nivola e e il profetico Tsunami, dove, come  diffusamente ne scrive Neria De Giovanni nel ricordo che ne ha fatto su Portale letterario.net   seppe premonizzare lo spaventoso Tsunami del dicembre 2004.

Di lui vogliamo ricordare anche l'impegno nell'Associazione Internazionale dei Critici Letterari, di cui è stato autorevole membro e infaticabile organizzatore. E proprio per tutti i suoi meriti di scrittore, saggista, poeta e traduttore nel 2011,  in occasione della presentazione degli atti del convegno su Francesco De Santis per la celebrazione dei 150 anni dell'Unità d'Italia alla Biblioteca della Camera dei deputati, a Roma, l'AICL gli ha tributato un omaggio con una targa per festeggiare i suoi ottant'anni: il riconoscimento gli è stato consegnato dall'onorevole Gerardo Bianco già Ministro della Pubblica Istruzione.

Bruno Rombi, Tsunami, pometto, pagg. 80, 2005, € 12,00, ISBN 978-88-7629-030-5, Nemapress Edzioni


Bruno Rombi, il poeta dello Tsunami, ci ha lasciato

Bruno Rombi ci ha lasciato in coincidenza con Sa die de sa Sardigna, lui sardo doc di Calasetta trasferitosi molti anni orsono a Genova e da lì diventato intellettuale internazionale, ma sempre con la Sardegna nel cuore.

Come poeta è stato amico e compagno dei più importanti protagonisti della lirica mondiale, partecipando a festival europei e anche nel continente africano e nelle americhe.
La sua conoscenza delle lingue, francese, spagnolo, inglese, lo hanno contraddistinto anche come ottimo traduttore di poesia.

Sua è la traduzione per la Nemapress dii una delle più importanti raccolte poetiche di Pedro Shimose, uno dei massimi scrittori boliviani che, all'inizio degli anni Settanta lasciò il suo paese a causa della dittatura e si trasferì a Madrid.

Sempre con la Nemapress ha pubblicato il poemetto dedicato a Costantino Nivola e e il profetico Tsunami, dove, come diffusamente ne scrive Neria De Giovanni nel ricordo che ne ha fatto su Portale letterario.net seppe premonizzare lo spaventoso Tsunami del dicembre 2004.

Di lui vogliamo ricordare anche l'impegno nell'Associazione Internazionale dei Critici Letterari, di cui è stato autorevole membro e infaticabile organizzatore. E proprio per tutti i suoi meriti di scrittore, saggista, poeta e traduttore nel 2011, in occasione della presentazione degli atti del convegno su Francesco De Santis per la celebrazione dei 150 anni dell'Unità d'Italia alla Biblioteca della Camera dei deputati, a Roma, l'AICL gli ha tributato un omaggio con una targa per festeggiare i suoi ottant'anni: il riconoscimento gli è stato consegnato dall'onorevole Gerardo Bianco già Ministro della Pubblica Istruzione.

Bruno Rombi, Tsunami, pometto, pagg. 80, 2005, € 12,00, ISBN 978-88-7629-030-5, Nemapress Edzioni


Unici in Italia, i laboratori di poesia Ernesto Cardenal pubblicati dalla Nemapress Edizioni 

La Nemapress Edizioni, nella collana Poesia, esce a marzo con il libro "Poeti Fuori Strada" a cura di Antonetta Carrabs, presidente della Casa della poesia di Monza.

Il volume raccoglie i versi liberi dei laboratori di poesia Ernesto Cardenal, gli unici in Italia che portano per sua volontà il nome del più grande poeta nicaraguense, scomparso proprio il 1 marzo 2020.

Nella prefazione al volume "Poeti Fuori Strada" il prof. Giuseppe Masera ricorda come a Nicaragua, negli anni '80 del 900, proprio Cardenal ha dato avvio a questo progetto iniziando una collaborazione Managua-Monza per i bambini affetti da leucemia.

Il volume gode dell'introduzione di Roberto Mauri, direttore generale della Meridiana, società cooperativa sociale, che gestisce i Centri diurni per anziani di Monza, è dunque un esempio concreto, nel nome del prete-poeta Ernesto Cardenal, del valore terapeutico della poesia che, come ricorda Antonetta Carrabs "ci ha stregato tutti".

Il progetto "Poeti fuori strada" ha ottenuto anche il plauso del grande scrittore Claudio Magris.

Il libro sarà presentato a giorni in conferenza stampa.

Premio internazionale "Tacita Muta" 2020 - 22 Febbraio ore 17.30 presso UnAR

Il 22 Febbraio alle ore 17.30 presso la  sala Italia- UnAR  in via Aldrovandi 16 l'AICL- Associazione Internazionale dei Critici Letterari, l'Associazione dei Sardi di Roma Il Gremio e il Fondo V.P. Sardinia conferiscono il premio internazionale "Tacita Muta"dedicato alle lingue minoritarie - edizione 2020"

Silvia Piacentini e Caterina Fiorentini

A Silvia, poetessa in lingua friulana e alla figlia Caterina musicista e cantautrice, per l'importante contributo alla valorizzazione e diffusione della loro lingua madre.

Esecuzione pianoforte, fisarmonica, e canto di Caterina Fiorentini, video di Giuseppe Piras. Conferenza dibattito e confronto fra il sardo e il friulano alla luce delle ultime normative sulle lingue minoritarie con Diego Corraine, studioso di lingua sarda, presidente della "Sotziedade pro sa Limba Sarda"e con Federico Vicario Presidente della Filologica Friulana.

Organizzano l'evento, in occasione della giornata mondiale per le lingue minoritarie decisa dall'UNESCO: Aicl , Gremio, Fogolâr Furlan.

Introducono Antonio Maria Masia e Francesco Pittoni. Coordina Neria De Giovanni.

A conclusione degustazione di prodotti sardi e friulani.

Nell'occasione saranno omaggiate a sorte fra i presenti 30 copie dell'ultimo doppio-cd del cantautore sardo Piero Marras, premiato Tacita Muta del 2019: Istorias - Storie Liberate.

Il 19 febbraio alla Biblioteca Universitaria di Sassari, Neria De Giovanni presenta il suo ultimo libro GRAZIA  DELEDDA, Corrispondenze giovanili, con riproduzione anastatica del testo della sua prima recensione di critica letteraria

Mercoledì 19 febbraio alle ore 17,30 presso la Biblioteca Universitaria di Sassari (Piazza Fiume) ci sarà la presentazione in anteprima nazionale del 15mo libro che Neria De Giovanni, presidente dell'Associazione Internazionale dei Critici Letterari, ha dedicato a Grazia Deledda. L'organizzazione, in collaborazione con la Biblioteca universitaria di Sassari, è della FIDAPA sezione di Sassari nell'ambito della Rassegna "Incontri con l'Autore".

Aprirà la serata Rosanna Crillissi , presidente della sezione FIDAPA di Sassari, seguita da Viviana Tarasconi, direttice della Biblioteca Universitaria di Sassari e da Maria Tina Maresu, presidente Distretto Sardegna della FIDAPA.

A Sassari "L'alchimia della letteratura" L'ultimo libro di Pierfranco Bruni

A Sassari giovedì 19 dicembre Pierfranco Bruni, vicepresidente del Sindacato Libero Scrittori Italiani e responsabile del progetto Letteratura ed etnie del Ministero dei Beni e attività culturali, parlerà del suo ultimo libro "L' alchimia della letteratura, tra profezia e disubbidienza", Nemapresss Edizioni

A dialogare con lui sarà Neria De Giovanni, presidente dell'Associazione Internazionale dei Critici Letterari e direttore editoriale della Nemapress. La critica creativa di Pierfranco Bruni è una vera alchimia che ci avvolge e ci rapisce, in un viaggio tra i capolavori eterni, di scrittori diventati fratelli che ci aiutano a vivere meglio. Nel libro trovano collocazione letture attente e originalissime di autori, italiani e stranieri, classici e contemporanei, tra cui: Charles Baudelaire, Luigi Pirandello, Giacomo Leopardi, Salvatore Quasimodo, Puskin, Carlos Castaneda, Alessandro Manzoni e la nostra Grazia Deledda.
Con questo libro Pierfranco Bruni consacra decenni di attività critica che lo ha portato a rappresentare la cultura italiana molte volte presso le ambasciate e le istituzioni internazionali, come l'Unesco.

La Nemapress di Alghero unica sigla editoriale sarda presente a "Più libri Più Liberi", fiera della piccola e media editoria di Roma

In linea con la tematica europea della Fiera, Mercoledì 4 dicembre, il giorno dell'inaugurazione, nella sala Antares alle ore 15,30 si terrà un importante incontro : Galtellì Literary Prize, "Canne al vento" di Grazia Deledda e i parchi letterari.

Con il sindaco di Galtellì Giovanni Santo Porcu i intervengono Neria De Giovanni, Stanislao De Marsanich, presidente dei Parchi letterari ed Anthony Muroni della Giuria del Premio e portavoce del Presidente Commissione della Biblioteca del Senato. La Nemapress pubblica l'Antologia di questo Premio che è l'unico internazionale dedicato a Grazia Deledda, con Giuria europea. Come ricorderà il sindaco Porcu sarà l'occasione anche per parlare del turismo culturale rappresentato egregiamente da Galtellì e diffuso pure in Europa dai Parchi Letterari presieduti da De Marsanich.

Nemapress al Festival del Giallo e del Noir Italiani a Ravenna

Nei giorni di Halloween, a Ravenna, all'interno del Festival del Giallo e del Noir Italiani si è svolta la prima edizione de "Una città in giallo", con la presenza di editori indipendenti da tutta Italia.